Blend vino, taglio e vino in purezza: significato e differenze

Blend vino, taglio e vino in purezza: significato e differenze

In molti fanno confusione sulla terminologia vitivinicola, spesso equivocando come “negative” alcune caratteristiche oppure affidandosi a informazione imprecise.

Tranquillo, dopo questo articolo non avrai più dubbi su cosa si intenda per blend di vino, taglio o vino da taglio, vino in purezza e uvaggio. Ti forniamo immediatamente una risposta, per poi approfondire.

In sostanza, un vino può essere ottenuto da grappoli provenienti da una sola coltivazione e quindi senza elementi estranei (Vino in purezza), oppure può essere ottenuto miscelando diverse tipologie di uva. In quest’ultimo caso, si parla di Blend quando la miscela coinvolge almeno il 50% dell’uvaggio; si parla di Taglio quando si usa il 15% di un vino da taglio per correggere un vino da consumo. 

Più precisamente, il blend è l’ottenimento di un vino utilizzandone più di uno, mentre l’uvaggio (taglio) è quando uve di diversi vitigni vengono vinificate assieme creando dal principio un nuovo vino. La differenza sta nel fatto che nel blend si permette ai vini di vinificare e maturare separati in modo da mantenere integre le proprietà varietali originali di ognuno e poi assemblarli in modo da creare un vino completo e più equilibrato possibile, mentre nell’uvaggio questo si perde e il risultato finale è in parte una casualità.  

Indice[Hide]

 

 

 

 

 

Cosa significa vinificare in purezza

Il vino in purezza è un vino prodotto solamente con una tipologia di uva: niente tagli, niente blend, niente miscele a nessuna percentuale nemmeno minima o apparentemente innocua o irrilevante. Un vino è in purezza quando è composto al 100% da uno specifico vitigno.

Quali sono i vini in purezza?

Sono molti i vini in purezza, famosi e amati. Tra i più consumati ci sono il Brunello di Montalcino, il Merlot, il Chianti, il Barolo.

Cosa vuol dire blend di vino?

Come visto, quindi, e come sicuramente saprai, ottenere vini miscelando diverse tipologie di uva porta a risultati storici, amati, famosi in tutto il mondo e non è quindi sinonimo di scarsa qualità. Anzi. Per il blend sono le percentuali a dettare regola, facciamo un esempio: può essere definito blend un vino composto da uve Cabernet Sauvignon al 50% e da uve Cabernet Franc al 50%.

Cosa vuol dire tagliare il vino?

Il vino da taglio non è altro che un vino ottenuto con lo scopo di bilanciare o correggere un altro vino dalle caratteristiche peculiari o poco appetibili per il mercato. Tagliare il vino, quindi, significa applicare un trattamento correttivo che consiste nel miscelare un vino con il 15% di altri vini o mosti. Si tratta anche questa di un’arte, che porta alla coesistenza in armonia più tipologie di uva in una sola bottiglia, e a creare note sempre nuove. Tagliare il vino porta anche significativi cambiamenti del colore, del sapore e della gradazione alcolica del vino base. 

Che cosa è il taglio bordolese

Comunemente in ambito enologico viene definito taglio bordolese il vino composto da Merlot e Cabernet Sauvignon, tale dicitura non è riservata ai vini di Bordeaux anche se la terminologia e la pratica nasce da quella zona.

I vini da taglio sono buoni?

I vini da taglio non sono sempre commercializzati con lo scopo del consumo diretto, e sono legati a una normativa molto severa e restrittiva nell’Unione Europea: basti solo pensare che, per aumentare il tasso alcolico di un vino, all’estero è pratica comune aggiungere zucchero al mosto (pratica chiamata zuccheraggio), mentre in UE questa cosa è lecita solo per Spumante e Vermut… per tutto il resto, si ricorre al taglio.

Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido

Corte Bacaro Vini
Corte Bacaro Vini

Società Agricola
Corte Bacaro di Bellia & C. ss

Indirizzo: Via Santa Elisabetta di Summaga, 49
30026 - Summaga di Portogruaro (VE)

Telefono: + 39 0421 1885794

P.IVA IT04240590275